É stata una giornata intensa quella passata col mio vecchio maestro Mircea Lucescu a Ginevra dove sta completando la preparazione estiva con la sua Dinamo Kiev, con cui ha conquistato, l’anno scorso, il titolo nazionale al primo colpo.

Come sempre è stato nella sua carriera Lucescu è riuscito a vincere facendo crescere tantissimi giovani che ora solo nel focus di molte squadre, anche italiane. Qual è il segreto della longevità calcistica del tecnico rumeno?

bacconi lucescu

Aver fissato negli anni dei saldi principi di gioco a cui i giocatori imparano ad adeguarsi attraverso l’allenamento, tattico e mentale. Volete sapere la giornata tipo della Dinamo? Due ore e mezzo di allenamento la mattina, poi pranzo e riposo. Pomeriggio seduta in aula e altre 2 ore e mezzo di allenamento. Dopo cena tutti di nuovo davanti al video. E questi giocatori possono considerarsi fortunati, quando lavoravo con lui, prima al Pisa poi al Brescia, le sedute di allenamento erano 3 al giorno.
Detto questo il motivo della visita era raccontare al mister e al suo staff come il Virtual Coach sta cambiando il modo di usare i dati nel calcio.

Dopo la presentazione fatta anche davanti ad Alexander Kozlov, matematico cresciuto ai tempi di Lobanovski, sapete quale è stata la  prima richiesta di Lucescu? Sapere – in automatico –  se una palla è stata persa a causa di un errore tecnico o al mancato rispetto di un principio di gioco (ad esempio tentare un dribbling da fermo nella zona mediana del calcio).

Il mio pensiero calcistico è cresciuto soprattutto facendo delle sue richieste delle sfide personali. Anche in questo caso l’obiettivo sarà trovare la giusta soluzione al problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.